DISINFO E VACCINI

Titolo:

Disinformazione a mezzo stampa: come non farsi infinocchiare.

Di cosa si parla:

Il terrore come strategia politica e sociale, virus, vaccini, bugiardi e Co.

Che cos’ è:

Un decalogo, una guida per il combattente-attivista post-moderno.

I risultati su di voi:

Dipende da cosa siete ( può diventare quindi un “conosci te stesso” ).

Potrebbe essere anche letto come un noir.

Bugie

La madre di tutte le bugie: “10 mila morti e 55 mila feriti”. Il pretesto per un intervento dalle vere ragioni geostrategiche (http://globalresearch.ca/index.ph p?context=va&aid=23983) è stato fabbricato a febbraio. Lo scorso 23 febbraio, pochi giorni dopo l’inizio della rivolta, la tivù satellitare Al Arabyia denuncia via Twitter un massacro: “10mila morti e 50mila feriti in Libia”, con bombardamenti aerei su Tripoli e Bengasi e fosse comuni. La fonte è Sayed Al Shanuka, che parla da Parigi come membro libico della Corte penale internazionale – Cpi (http://www.ansamed.info/en/libia/news/ME.XEF93179.html).

La “notizia” fa il giro del mondo e offre la principale giustificazione all’intervento del Consiglio di Sicurezza e poi della Nato: per “proteggere i civili”. Non fa il giro del mondo invece la smentita da parte della stessa Corte Penale internazionale: “Il signor Sayed Al Shanuka – o El Hadi Shallouf – non è in alcun modo membro o consulente della Corte”(http://www.icc-cpi.int/NR/exeres/8974AA77-8CFD-4148-8FFC-FF3742BB6ECB.htm).

Ci sono foto o video di questo massacro di migliaia di persone in febbraio, a Tripoli e nell’Est? No. I bombardamenti dell’aviazione libica su tre quartieri di Tripoli? Nessun testimone. Nessun segno di distruzione: i satelliti militari russi che hanno monitorato la situazione fin dall’inizio non hanno rilevato nulla (http://rt.com/news/airstrikes-libya-russian-military/). E la “fossa comune” in riva al mare? E’ il cimitero (con fosse individuali!) di Sidi Hamed, dove lo scorso agosto si è svolta una normale opera di spostamento dei resti (http://www.youtube.com/watch?v=hPej4Ur_tz0). E le stragi ordinate da Gheddafi nell’Est della Libia subito in febbraio? Niente: ma possibile che sul posto nessuno avesse un telefonino per fotografare e filmare?

Qualcuno dei nostri stimati giornalisti direbbe che la Libia è un paese sottosviluppato, che i libici sono un specie sotto-umana e che nessuno ha i mezzi per scattare una foto.

Il tutto rigorosamente in cattiva fede.

PRIMA REGOLA: quando vuoi strumentalizzare una notizia, diffondere disinformazione, attirare i lettori dalla tua parte…

SCREDITA L’ AVVERSARIO

SECONDA REGOLA: quando vuoi giustificare qualsiasi azione contro una persona, un popolo, un gruppo…

CONVINCI CHE SI TRATTA DI ESSERI SUB-UMANI E SOTTOSVILUPPATI.

Per quale motivo ho fatto questo esempio ? Cosa sta succedendo in Italia ?

Italia, Maggio 2017: caos vaccini.

L’ antefatto:

Washington, 29 settembre 2014 – L’Italia guiderà nei prossimi cinque anni le strategie e le campagne vaccinali nel mondo. È quanto deciso al Global Health Security Agenda (GHSA) che si è svolto venerdì scorso alla Casa Bianca. Il nostro Paese, rappresentato dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, accompagnata dal Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) prof. Sergio Pecorelli, ha ricevuto l’incarico dal Summit di 40 Paesi cui è intervenuto anche il Presidente USA Barack Obama.

È un importante riconoscimento scientifico e culturale all’Italia, soprattutto in questo momento in cui stanno crescendo atteggiamenti ostili contro i vaccini – ha dichiarato il prof. Pecorelli – Dobbiamo intensificare le campagne informative in Europa, dove sono in crescita fenomeni anti vaccinazioni. Si tratta di un’operazione che l’Italia intende condurre con il coinvolgimento attivo di tutti gli attori, incluse le Università. Per prevenire la diffusione di malattie da tempo eradicate nei paesi occidentali e che, oltre all’impatto drammatico che hanno su decessi e patologie evitabili, impongono costi rilevanti ai sistemi sanitari”.

Bravo ! Bravo/a Pecorelli/a

” Per prevenire la diffusione di malattie da tempo eradicate nei paesi occidentali”

Non vogliamo mica diventare come il quarto mondo (vero pecorett ) ?

Bello anche il finale : “decessi e patologie evitabili, impongono costi rilevanti ai sistemi sanitari”.

Se proprio ci interessano i soldi, vi siete mai chiesti quanto costano i vaccini ? Quanto costano le persone impegnate nelle campagne di vaccinazione, quali sono i costi sociali dovuti a casi di reazioni avverse, anche quelle non documentabili in quanto causa di danni minimi ?

Il movente.

La notizia vera comunque, miei fanatici del complottismo a tutti i livelli, è che l’ Italia è stata nominata capofila di una sperimentazione atta a diffondere a livello planetario un nuovo paradigma i cui fini sono il guadagno ed il controllo delle menti.

Vi è piaciuto vero ? So come soddisfarvi !

Soddisfatti ? Proseguiamo allora con il decalogo:

TERZA REGOLA: usare la paura come leva…

USA LA PAURA PER GUIDARE I COMPORTAMENTI DEI TUOI SERVI

La paura è un’emozione primaria, comune sia al genere umano sia al genere animale. Il Galimberti[1] così la definisce:

Emozione primaria di difesa, provocata da una situazione di pericolo che può essere reale, anticipata dalla previsione, evocata dal ricordo o prodotta dalla fantasia. La paura è spesso accompagnata da una reazione organica, di cui è responsabile il sistema nervoso autonomo, che prepara l’organismo alla situazione d’emergenza, disponendolo, anche se in modo non specifico, all’apprestamento delle difese che si traducono solitamente in atteggiamenti di lotta e fuga”.

La paura è l’ istinto più forte, perchè collegato all’ istinto di soppravvivenza e di conservazione della specie, difficilmente controllabile, i suoi effetti possono essere devastanti ( non sto esagerando ).

 

QUARTA REGOLA: non serve raccontare bugie, basta raccontare mezze verità.

CAMMUFFARE LA BUGIA CON UNA MEZZA VERITA’

 

Usiamo la logica inversa, se proprio vi interessano principalmente i soldi, vi siete mai chiesti quanto costano i vaccini al sistema sanitario nazionale ? Basta sapere quanto costa una dose di vaccino e moltiplicarla per le vaccinazioni, aggiungendo il costo del personale impegnato nella pratica. Aggiungiamo poi i costi sociali dovuti a reazioni avverse ed il conto è fatto, non è preciso ma può dare un’ idea.

QUINTA REGOLA: non diffondere i dati e le informazioni reali.

OMETTRE DI DIFFONDERE INFORMAZIONI

Quanto sappiamo sui vaccini ? Quando e dove se ne parla ?

Quando parlo con un imbecille, di solito mi ripete la storiella che gira di solito: il virus indebolito attiva il sistema immunitario che produce anticorpi, abbiamo debellato le malattie, lo ha detto il medico, ci sono fior di dottori…

Dati ? neanche l’ ombra.

Vogliamo parlare di calcio senza conoscere la classifica ? Senza conoscere i calciatori ? Senza guardare una partita ? Che figure ci facciamo al bar ?

Un peco-ratta qualsiasi ci metterebbe a tappeto.

Esempi di applicazione del DECALOGO.

PRIMA REGOLA: SCREDITA L’ AVVERSARIO.

“Il Veneto è una strana terra. Può ospitare ricercatori a caccia della “particella di Dio” o delle onde gravitazionali, ma può anche dare i natali a sindaci adepti di Scientology che fanno propaganda contro la scienza, come il primo cittadino di Resana, piccolo comune della ricca provincia di Treviso.

Qui il sindaco Loris Mazzorato è riuscito a fare il bis nel 2014 con la lista di ispirazione leghista “Un sindaco per il popolo veneto”, che ha vinto le amministrative con il 49,05% delle preferenze su un totale di meno di cinquemila voti espressi.

Di madrelingua veneta, come dichiarato nel curriculum vitae europeo (!), rigorosamente contrario al tricolore e, secondo copione, sempre munito di fascia con l’effige del leone di San Marco, il sindaco di Resana è molto conosciuto in zona per indire convegni sul signoraggio e le scie chimiche.

Alla ribalta delle cronache nazionali Loris Mazzorato ci salì nell’ottobre 2013, quando partecipò ad una messa organizzata dal religioso negazionista e lefebvriano don Floriano Abrahamowicz, in memoria del criminale nazista Erich Priebke. Anch’io, con le tasse, eseguo crimini di Stato, disse.

Fu la volta, poi, delle pubbliche professioni di fede verso Scientology, la discussa pseudo religione a cui il sindaco dichiarò di ispirare non solo la propria vita, ma anche la propria azione amministrativa.

Fin qua tutto molto discutibile, ma senza gravi danni.

Ora la cosa però si fa più seria, perché il sindaco di Resana ha iniziato a distribuire materiale di propaganda contro le vaccinazioni pediatriche.”

Ecco fatto !

Molto tempo fa, il politologo Giovanni Sartori, durante una trasmissione di Lilli Gruber, criticava il mezzo televisivo. La signorina Gruber fece notare che stava parlando usando il mezzo criticato. A quel punto, Sartori fulmina la signorina con uno sguardo: “Non importa dove lo dico, ma quello che dico.”

Giudichiamo le asserzioni, i fatti, documentiamoci; oppure continuiamo a giudicare quello che dicono e fanno le persone in base all’ auto che possiedono ?

SECONDA REGOLA: quando vuoi giustificare qualsiasi azione contro una persona, un popolo, un gruppo…

CONVINCI CHE SI TRATTA DI ESSERI SUB-UMANI E SOTTOSVILUPPATI.

Gli immigrati trasmettono malattie, chi non vaccina i propri figli è irresponsabile e ci espone al pericolo di contagi, etc…

Cerchiamo quindi dati provati e che ci permettano di giungere a conclusioni sicure.

Leggiamo da http://www.terranuova.it/News/Salute-e-benessere/Le-malattie-debellate-con-l-igiene-non-con-i-vaccini

Qui troviamo percentuali e datazioni, riscontrabili anche cercando presso altre fonti.

Sarà quindi importante ricercare, in molti casi si troveranno informazioni discordanti, in altri casi, ( come questo ) informazioni e dati, saranno chiari ed inequivocabilmente indicano come stanno le cose.

Sono questi i casi da ricordare per formare la nostra idea di realtà.

Leggiamo il testo:

“Un interessante articolo del dott. Eugenio Serravalle di questi giorni ha tracciato la storia delle malattie infantili, facendo chiarezza sull’effettivo ruolo esercitato dai vaccini. Secondo questa ricostruzione la mortalità dei bambini sotto i cinque anni va soprattutto correlata non tanto all’introduzione delle vaccinazioni di massa, ma alle mutate condizioni ambientali, alimentari e igienico-sanitarie di un Paese.
Nel nostro Paese nel 1895 la mortalità sotto i 5 anni in Italia era del 326 per mille nati vivi, nel 65% dei casi in conseguenza di malattie infettive. Le gastroenteriti, le appendiciti e le febbri tifoidi e paratifoidi rappresentavano circa il 26% di tutti i decessi, l’influenza la bronchite e la polmonite circa il 21%. La tubercolosi era responsabile di circa il 4% della mortalità totale. Le altre malattie infettive e respiratorie rappresentavano il 14% della mortalità, il morbillo il 3%, la meningite il 3%, la pertosse il 2%, e la malaria il 2%. Negli anni successivi, fino al 1931, il tasso di mortalità si dimezzò passando a 170 per 1.000 nati vivi.
Alcune malattie infettive, come vaiolo e difterite (il vaccino verrà introdotto solo nel 1939) arrivarono quasi a scomparire nel periodo in esame, altre (scarlattina, pertosse, morbillo e malaria) diminuirono in maniera consistente (senza alcuna vaccinazione). Le gastroenteriti rimasero tra le cause di morte più importanti fino agli inizi degli anni ‘30 . Nel periodo successivo, dagli anni ‘30 agli anni ‘60, il tasso di mortalità totale diminuì del 72%. Si ridussero drasticamente le malattie infettive e assunsero progressivamente un ruolo predominante le malattie congenite e perinatali. Si arriva così ai nostri giorni con un declino della mortalità di un ulteriore 91%. Nel 2011 il numero di bambini morti nel primo anno di vita è sceso a 1774 e quello tra 1 e 5 anni a 310 (il tasso è di 3,9 per 1.000 nati vivi) con un cambiamento significativo delle cause di morte; le malformazioni congenite e le condizioni di origine perinatale, comprese nel gruppo altre cause di morte, passano dal 34% nel 1895 al 57% nel 1961 al 95% nel 2011.
Come mostrano le tabelle riportate da Serravalle la riduzione della mortalità ha riguardato malattie per cui non esiste il vaccino, come la malaria, o per cui non si è praticata il vaccino di massa, come la tubercolosi, la gastroenterite, la colite, l’appendicite, le febbri tifoidi.
Leggi l’articolo originale con i grafici su http://www.eugenioserravalle.com/

di Dario Scacciavento

Mi sembra chiaro, non serve una laurea in Medicina per capire, non siamo scemi, non siamo adepti di Dott. Google come qualcuno vorrebbe far credere.

TERZA REGOLA: usare la paura come leva…

USA LA PAURA PER GUIDARE I COMPORTAMENTI DEI TUOI SERVI

Qui c’ è solo l’ imbarazzo della scelta.

Questa volta ci divertiamo con http://www.ilfoglio.it/salute/2017/04/19/news/i-danni-delle-campagne-no-vax-ora-l-italia-e-un-paese-a-rischio-morbillo-130753/

Insuperabile !

“L’allarme è stato lanciato con una nota ufficiale dei Centri prevenzione e controllo delle malattie di Atlanta datata 17 aprile. A preoccupare è il morbillo che, nella prima parte del 2017, è tornato ad essere un “pericolo” per gli italiani con un aumento impressionante dei casi di contagio (oltre i 1400 in quattro mesi, mentre in America sono stati 28 in tre mesi). Che tra le cause ci sia anche l’insensata propaganda anti-vaccini non è certo un segreto. E il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha più volte ricordato i rischi connessi al calo della copertura vaccinale.

Ma ora il “caso” è diventato internazionale. E dagli Stati Uniti invitano i turisti americani che hanno in programma di mettersi in viaggio verso il nostro Paese ad assicurarsi di essere vaccinati contro il morbillo. Non solo, viene anche suggerito di lavarsi spesso le mani e di evitare di toccarsi bocca, occhi e naso. ” 

Questa volta siamo noi il “terzo mondo” mica male, ma quanti di noi si sono accorti che è in corso un’ epidemia di tale portata e pericolo ? Io non ho visto un cazz….

La faccenda è più appetitosa per i nostri palati se andiamo a documentarci sul morbillo, basta anche ricordare cosa accadeva quando eravamo piccoli, chi non l’ ha avuto ? Averlo avuto era quasi uno status symbol.

Divertiamoci un poco a capire di cosa ABBIAMO PAURAAAAAHHHH:

http://www.corvelva.org/?page_id=8

“Morbillo

Cosa scrive il Ministero della Salute:

http://www.salute.gov.it/malattieInfettive/paginaInternaMenuMalattieInfettive.jsp?id=837&lingua=italiano&menu=malattie

Morbillo
E’ una malattia infettiva causata da un virus del genere Morbillivirus, della Famiglia Paramyxovirus, che si localizza in vari organi e tessuti.
La recettività (possibilità di essere infettati da un agente patogeno) è universale e il morbillo è una delle malattie più contagiose che si conoscano.
Prima dell’introduzione dei vaccini antimorbillosi, quasi tutti i bambini si ammalavano di morbillo prima del 15° anno di vita.
Il morbillo è una malattia endemo-epidemica, vale a dire che è sempre presente nelle collettività, presentando picchi epidemici ogni 3-4 anni, legati al fatto che i nuovi nati vengono a formare gradualmente una massa cospicua di soggetti suscettibili all’infezione.
Il morbillo lascia un’immunità che dura per tutta la vita; anche l’immunità indotta dal vaccino è di durata lunghissima.

Come si trasmette
Il morbillo è una delle malattie più contagiose che si conoscano; si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva emesse con tosse, starnuti o semplicemente parlando.
Il periodo di contagiosità va da poco prima del periodo prodromico a 4 giorni dopo la comparsa dell’esantema.
Nelle persone con alterazioni del sistema immunitario il morbillo può assumere un decorso particolarmente grave e prolungato, con persistenza dell’eliminazione del virus per molte settimane dopo la fase acuta.

Chi è a rischio
Praticamente tutti, se non hanno avuto la malattia naturale o se non sono stati vaccinati, sono a rischio di contrarre il morbillo.

La sintomatologia
Dopo un periodo di incubazione (periodo che intercorre tra l’esposizione ad un contatto infettante e la comparsa dei primi sintomi) che può variare da un minimo di 7 ad un massimo di 18 giorni (solitamente però è di una decina di giorni), si ha comparsa di febbre, raffreddore, tosse secca, congiuntivite, chiazze rossastre sulla mucosa della bocca e della faringe e macchioline bianche sulle gengive, all’altezza dei molari (macchie di Koplik): questo è il periodo prodromico della malattia, che dura 4-5 giorni, al termine del quale compare un’eruzione cutanea maculo-papulosa che dal collo e dal capo si estende ad interessare tutto il corpo (esantema discendente).
L’inizio dell’esantema è solitamente accompagnato da un innalzamento della febbre che diminuisce poi piuttosto rapidamente.
L’esantema persiste per 5-6 giorni e, così come era iniziato, scompare a cominciare dal collo.
Per qualche giorno rimane una desquamazione della pelle (fase di convalescenza). Il decorso del morbillo può essere mite nei lattanti, se ancora in parte protetti da anticorpi di origine materna ma, solitamente, la malattia è più grave nei bambini molto piccoli e negli adulti.

Le complicanze
Le più frequenti sono laringiti e laringotracheiti, polmoniti e broncopolmoniti, anche dovute a superinfezione batterica, otiti medie, encefaliti ed encefalomieliti. Queste ultime si manifestano con frequenza di circa un caso su 1000.
La mortalità dell’encefalite morbillosa arriva al 15% e si stima che il 20-40% delle persone sopravvissute ad una encefalite morbillosa subiscano conseguenze permanenti a livello neurologico.
Una complicanza del morbillo, rarissima, ma dagli effetti devastanti, è la panencefalite sclerosante subacuta (PESS).
Si tratta di una encefalite a lenta evoluzione, che può manifestarsi in un caso su 100.000 a distanza di molti anni dall’infezione con virus morbilloso, per lo più in persone che avevano avuto il morbillo nei primi due anni di vita.

La terapia
Riposo a letto in un ambiente confortevole, ben riscaldato ed arieggiato, ma non eccessivamente illuminato, insieme con una dieta leggera, ricca di zuccheri e liquidi, costituiscono la base per il trattamento del morbillo.
Possono essere impiegati rimedi ad azione sintomatica per la febbre e la tosse ma la terapia antibiotica, sempre su prescrizione medica, dovrebbe essere attuata solo in caso di complicazioni di natura batterica (broncopolmoniti).

LA NOSTRA POSIZIONE

I virus si dividono in: – DNA – – RNA –

Il virus del MORBILLO è un – RNA –

La differenza tra i due tipi è molto importante:
i virus – DNA – sono molto stabili, cioè mutano molto lentamente,
i virus – RNA – sono poco stabili cioè mutano molto velocemente.

E’ la stessa situazione dell’influenza, anche in questo caso il virus è – RNA – e ogni anno c’è un vaccino “nuovo” che però non funziona, perché il virus in circolazione è mutato, cioè nuovo.

Questa prima osservazione ci fa capire che la vaccinazione non serve assolutamente a nulla, perché il vaccino riconosce solamente un tipo ben specifico di virus, ma se questi si modifica il vaccino non funziona.
Per questo motivo persone adeguatamente vaccinate si ritrovano con il morbillo.

La vaccinazione “protegge” per un tempo ben limitato, per cui chi crede in questa pratica deve continuare a vaccinarsi per tutta la vita.

La malattia in forma naturale da una immunità permanente, non solo, la mamma passa gli anticorpi al nascituro che per i primi mesi di vita è protetto, ed è il momento più pericoloso della malattia.

PERCHE’ SI INSTAURA UNA MALATTIA ESANTEMATICA?

Per la medicina “ufficiale” è impensabile questa domanda al di fuori di un concetto di malattia, di instaurazione di un virus in un soggetto, con le varie conseguenze, di cui osservano solamente i possibili effetti collaterali senza chiedersi a chi succede e perché.

La malattia esantematica, ed il morbillo è una di queste, ha un significato molto importante per lo sviluppo dell’essere umano nella sua integralità.
L’essere umano è il risultato dell’unione dello spermatozoo maschile e l’ovulo femminile, ma la cosa primaria, che la medicina “ufficiale” considera poco o nulla, é il fatto fondamentale che il nuovo essere è “QUELLO” solamente quello, non è il papà né la mamma, ma unicamente LUI.

L’importante funzione della malattia esantematica, (che si nota vistosamente perché butta fuori) è di eliminare i “residui” di papà e mamma affinché affiori quell’essere come individuo completo e unico, nella sua integralità fisica e mentale.
Da notare che non tutti i bambini sviluppano le malattie esantematiche, queste si manifestano solamente in quelli che hanno il bisogno di farle, perché troppo impregnati di “residui” genitoriali.

Perché sopprimere una malattia esantematica?
Forse per rendere persone non integre nel mentale e nel fisico?
Persone di questo tipo fanno molta gola a chi desidera avere delle masse non pensanti.

Perché ci viene questo dubbio?
Ricordate la campagna vaccinale contro il tetano per le donne del terzo mondo dai 15 anni a i 35 fatta dal 1972 al 1994, proposta, sponsorizzata e pagata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da una serie di governi e di università, dove nel vaccino oltre all’antitetanica avevano messo gli ormoni perché le donne incinte abortissero e chi non era incinta non riusciva a rimanerci!

OSSERVAZIONI NEL TEMPO

Un tempo esistevano i “Medici condotti” che conoscevano bene tutti i loro pazienti e quando si verificava un caso di morbillo erano i primi a mandare i loro figli a contagiarsi, così se dovevano fare il morbillo lo facevano e si levavano un pensiero.

A questo proposito ci sorge un grosso dubbio: ma se c’erano questi casi di encefalite secondo voi i “medici condotti” avrebbero inviato i loro figli e tutto il resto dei bambini a prendere il morbillo?
Considerato che conoscevano bene i loro pazienti dovremmo avere a questo proposito una vasta letteratura di questo effetto collaterale, con tutte le raccomandazioni per evitare di contagiarsi.

La realtà era un’altra: si sapeva e si conosceva bene che dopo il morbillo il bambino si sveglia intellettualmente e migliora la sua abilità manuale (forse questo da fastidio).

Siamo i primi ad ammettere che il morbillo può avere anche effetti collaterali, ma su chi e perché?
Certamente, su chi ha già di per se problemi di salute gravi, in questo caso anche una banale influenza diventa un serio problema.

Da considerare un altro fattore molto importante: non tutti i bambini sviluppavano il morbillo, lo facevano solo quelli che dovevano farlo.

LA VACCINAZIONE E’ SERVITA A RIDURRE IL MORBILLO?

Robert S. Mendelsohn un famosissimo pediatra americano nel suo libro: “Bambini sani senza medicinali” “Red Edizioni” (che consigliamo a tutti di acquistare e leggere con attenzione) riporta questi dati “nel 1900 il tasso di mortalità per morbillo era di 13,3 casi ogni 100.000 abitanti. Nel 1955, prima della comparsa del siero, il tasso di mortalità era calato del 97,7% assestandosi sullo 0,3 ogni 100.000 abitanti.
Nel 1958 furono segnalati circa 800.000 casi di morbillo negli Usa, ma nel 1962, l’anno antecedente l’introduzione del vaccino, i casi era scesi a 300.000. durante i quattro anni successivi, (mentre i bambini venivano vaccinati con un inefficace e ora abbandonato “virus ucciso”) il numero dei casi scese di altri 300.000…..”
“il vaccino anti morbilloso è associato all’encefalopatia e ad una serie di altre complicazioni come la panencefalite sclerosante subacuta, che provoca l’indurimento del cervello ed è una malattia inevitabilmente fatale”. “Altre affezioni…….atassia (incapacità di coordinare i movimenti muscolari), ritardi mentali, meningite asettica ed emiparesi (paralisi che colpisce un solo lato del corpo). Complicazioni secondarie…encefalite, PESS, sclerosi multipla, shock anafilattico, sindrome di Reye, sindrome di Gullian – Barré, disfunzioni della coagulazione sanguigna, instaurarsi di diabete giovanile, e perfino una relazione con il morbo di Hodgkin e il cancro.

C U R E

Riportiamo cosa consiglia sia la Medicina Tradizionale che le esperienze di molti genitori.

Ovviamente, per evitare denuncie e tutto il resto quello che scriviamo non è prescrizione medica.

Buon esantema:

il morbillo deve uscire bene” questo ci dicevano le nostre sagge nonne.
La malattia deve uscire perchè se rimane dentro causa problemi, cosa fare allora in questo caso:
due soluzioni

1) frizione con acqua e aceto, si mettono tre quattro cucchiai di aceto in altrettanti di acqua tiepida, si bagna un panno, che viene strizzato, per cui rimane umido e si passa tutto il corpo. In questo modo l’esantema viene portato all’esterno con la sua esplosione. Normalmente serve una sola frizione
2) Senapismo: è una tecnica più difficile che richiede pratica. Si fa un decotto di farina di senape, si filtra e si aggiunge all’acqua del bagno e si mette l’ammalato. Il bagno deve durare al massimo due minuti, per non causare problemi alla cute.

In Germania c’è tradizione di vestire il malato di rosso: pigiama rosso, lenzuola rosse ecc. anche questa tecnica aiuta l’eruzione esantematica.

ALIMENTAZIONE

I primi giorni, regime possibilmente liquido: centrifughe di carote (molte) e mele,
sciroppi di frutta: ribes, lampone, olivello spinoso, prugnolo.

VITAMINE
vitamina A in alte dosi possiede un benefico effetto sia preventivo del morbillo, sia migliorativo in pazienti che presentano forme gravi o potenzialmente gravi di morbillo, specie in bambini nei primi 2 anni di vita. Le dosi consigliate di vitamina A sono le seguenti:
– bambini da 0 a 6 mesi: 50.000 unità;
– bambini da 7 a 12 mesi: 100.000 unità;
– bambini dopo i 12 mesi: 200.000 unità.

PIANTE

Gli oli essenziali che si sono dimostrati molto utili:
Rosmarino
Niaoli
Limone
Timo
Cipresso
Dieci gocce per ogni tipo di olio essenziale in una boccetta con contagocce da 50 cc (che trovate in farmacia), a questa miscela si aggiunge olio extra vergine di oliva fino a riempire la boccetta.
Dosi:
bambini dai 2 ai 3 anni 7 gocce tre volte al giorno
bambini dai 3 ai 9 anni 10 gocce tre volte al giorno
bambini dai 9 ai 15 anni 15 gocce tre volte al giorno
dopo i 15 anni 25 gocce tre volte al giorno

Come si prende: si mette del miele in un bicchiere (possibilmente liquido) si aggiungono le gocce si aggiunge un pochino di acqua tiepida si amalgama e si beve.

Elicriso:
si può usare sia come decotto leggero che come infuso tre tazze al giorno, ovviamente i bambini piccoli difficilmente riescono a prenderlo.

HIMAMAPPA:
È un prodotto a base di erbe che serve per alzare le difese immunitarie

NATUROPATIA:

cataplasma di argilla sul ventre due volte al giorno per un ora
bagno caldo con infuso di timo, una volta al giorno.

OMEOPATIA

Questo rimedio è consigliato a tutti quelli che si ritrovano ad avere il morbillo sia che usino l’omeopatia oppure no!

Morbillinum granuli 200 ch monodose (due confezioni) quando esce l’esantema

Dosi: un terzo della monodose al giorno per 6 giorni sciolto in un pò di acqua.

Per i famigliari che non hanno avuto il morbillo sempre Morbillinum 200 ch un terzo della monodose ogni 5 giorni.

L’omeopatia unicista poi segue il paziente indicando i vari rimedi che servono esclusivamente a lui.

L’omeopatia “complex” indica:

R 62 nella fase acuta 8-10 gocce in poca acqua ogni mezzora o ora, lattanti 3 – 5 gocce, a miglioramento delle condizioni cliniche portare la somministrazione a 1 – 2 ore.
Associare in caso di:
affezione polmonare (rischio) R 48,
Bronchite R 8,
Congiuntivite in corso di esantema R 78,
Sindrome influenzale R6

CLORURO DI MAGNESIO
Tra le varie azioni che svolge il Cloruro di Magnesio c’è quella fortemente anti ossidante, che in questa situazione aiuta moltissimo
Il sapore è molto amaro, ma in compenso aiuta l’organismo in modo eccezionale.
E’ un prodotto da usare specialmente in queste situazioni
Il cloruro di magnesio si acquista in farmacia, si usano 30grammi, che si fanno sciogliere in un litro d’acqua. Una volta diluito in acqua, va conservato in una bottiglia di vetro e dura moltissimo.
Somministrare 125 cc (1/8 di litro) della soluzione, in una o più volte, entro i cinque minuti. Dopo 2 ore, seconda somministrazione di 125 cc. Questa dose, è da ripetere in seguito ogni 6, 8 o 12 ore, secondo la gravità del caso.
Al di sotto dei 5 anni, ogni somministrazione della soluzione sarà di 100 cc, o 80 cc, o 60 cc, conforme l’età.

I rimedi omeopatici e il cloruro di magnesio interferiscono fra loro, e perdono efficacia.
Si usano i rimedi omeopatici mezz’ora prima delle somministrazioni della soluzione di cloruro di magnesio oppure un’ora dopo.

Se avete altre conoscenze, notizie o suggerimenti, fateceli conoscere che li porteremo a conoscenza di tutti.”

Ma sono messi così male gli americani ?

Dovremo vedere gruppi di turisti accalcati dentro i cessi di Venezia mentre si fanno la doccia sotto il rubinetto ?

Sicuramente sì.

Un bel colpo diretto al nostro turismo e all’ immagine del paese, il governo cosa fa ?

Applaude.

E mi raccomando: via le mani dal naso.

Ohè, sono stanco di scrivere, anche se scrivo a 10 dita e a tutto spiano, mica come quei vigliacchi dei nostri giornalai.

Sono stanco di scrivere e direi una cosa importante:

– non ascoltatemi

– usate la vostra testa

– per le regole quattro e cinque cercate voi, per esempio: perchè vaccinare i bambini contro l’ epatite B ? Oppure: i vaccini garantiscono l’ immunità ? Su quante persono funzionano ? Per quanto tempo ? Considerando queste domande, esiste veramente l’ immunità di gregge garantita dalla copertura minima del 90% circa ?

 

Siamo intelligenti, ci manca solo la pazienza, chi l’ avrà avuta per leggere fino a questo punto, da qui in poi potrà camminare con le sue gambe.

Saluti a tutti, pecorelle e pecoroni.

L’ America riscoperta – puntata 008

Cristoforo on the bike

su una strada lastricata di mattoni gialli

incontra una ragazza

accompagnata da un uomo di latta

uno spaventapasseri di paglia

un leone.


Hi ! Dove porta questa strada ?


Al paese di Oz

da dove stiamo scappando.

Una strega ha ucciso il mago che qui governava con giustizia.

A quest’ uomo di latta ha ripreso il cuore

A questo spaventapasseri il cervello

Al leone il coraggio

A me gli affetti famigliari.


Cristoforo si ferma

forse è meglio tornare indietro

forse però

mi piacerebbe vedere questa strega.


Eccola laggiù.


Hei, gente

ma quella è una tv !

L’ America riscoperta – puntata 007

Ombre dell’ Impero Interno

Coprono Terre Lontane.


Buenos Aires 1853 Nicaragua 1853 Giappone 1853 Uruguay 1855 Angola 1860.


Parla Teddy Roosevelt

di Razza Padrona e Conquiste in Conto Capitale, affaristi sotto le stelle

lunghe strisce rosso sangue.


Cristoforo se ne sta a Chicago

Beve il suo mate e partecipa agli scioperi.


1892 di lotte operaie 1893 di recessione repressiva 1896: William McKinley Presidente.


Pattriottismo e nuove guerre di conquista.

Colombo chiede

dove andate ragazzi ?

“Non scioperamo piu’:

Andremo in Guerra all’ estero Per La Patria.”


Colombo recrimina 

arrotando una paglia

i dirigenti dell’ A.R.U. sono in gabbia

“Dictator Debbs” è al fresco

prima che Silvester Stallone giri F.I.S.T ci vorrà ancora un secoletto

fino allora

sembra che gli spettacoli 

siano sospesi

forse e’ ora.

Di ritornare in sella.


L’ America riscoperta – puntata 006

Cristoforo on the road.

Sulla strada un soldato

“Dove vai ?”

Sono un soldato

sparavo da sopra la collina

a Wounded Knee.


Falciavo donne, bambini, uomini

e per questo 

mi sono congedato 

con menzione d’ onore

Ora sulla strada 

il mio destino:

andrò a Chicago

lavorerò per George Pullman

vivrò nella città-Pullman

che ha fatto edificare

per i suoi operai.


Spenderò il mio salario

pagando a George Pullman

affitto

acqua

servizi.


Vivrò con la mia famiglia

sotto controllo

come in una 

riserva indiana.


Noi, schiavi-Pullman, 

della città-Pullman

alla disperazione 

sciopereremo.


Finiremo circondati 

dalle forze federali.


Uccisi a fucilate

e colpi di baionetta.


Fu così

che Cristoforo

portò in moto

quel fantasma 

fino a Chicago.


L’ America riscoperta – PUNTATA 004

Cristoforo e la moto,

sulla strada

quell’ indiano: Alce Nero.


Dove vai ?

Wounded Knee.

Triste e dignitoso

Raccontava.

 

Videro il fuoco bianco

scaricarsi sul popolo in fuga

uomini, donne e bambini.


Alce Nero raccontava

era finita la loro storia.


Pensavano fossimo selvaggi

Non credevano fossimo 

Esseri Umani.


Alce Nero perse la sua gente e la sua terra.


La sua grande anima 

non si abbandonò

alla disperazione.

L’ America riscoperta – PUNTATA 003

CRISTOFORO


No, non con tre 

caravelle


ma con la moto voglio 

scoprire l’ America

la moto e un po’ di mate

sì, come Che Guevara

ne vedrò l’ altra faccia

dollaro e Hollywood.


Lavoratori e gente

vite ed ingiustizie

e polvere e sudore

fatica e lavoro.


Deindustrializzazione.

Dollaro senza Gold Standard.

Hollywood-Blob impazzita

si divora il cervello 

del Sogno Americano.

 

prima tappa: Wounded Knee.

L’ America riscoperta – PUNTATA 002

Scena Teatrale.

Apolitico Show Business.

Sipario, clap hands.

Musica dei Supertrumps.

Parrucchino e TIP-tap.

bastone da passeggio laccato.

Cappello a Cilindro-Voodoo.

 

Massone Abbagliante.

Affarista Illuminato, Abbagliato.

E poi:

Mimo sguaiato

Verso d’ Anatra

Ultracorpo di Destra.

 

Sogna tre caravelle e una moto.

“…stanno venendo a scoprirci.”

“…stanno arrivando gli Stranieri.”